La pandemia di coronavirus che sta attualmente devastando diverse parti del mondo ci ha fatto capire quanto sia importante la videoconferenza. In effetti, molti di noi ignorano il fatto che abbiamo un buon numero di opzioni quando si tratta di videoconferenza. In questo momento in cui i nostri movimenti sono limitati per la nostra sicurezza, la videoconferenza è una componente chiave per garantire il libero flusso di determinate attività. Le scuole sono in grado di continuare a insegnare, le imprese continuano a svolgere le riunioni mentre le famiglie e gli amici possono rimanere in contatto.

Quindi, la domanda è: quali sono le app di videoconferenza migliori e più interessanti che abbiamo attualmente? La risposta a questa domanda non è così semplice come ci si aspetterebbe. Tuttavia, escluso Skype, che viene usato molto a livello di rapporto personale, possiamo tranquillamente menzionare Zoom Meetings, Google Meet e Microsoft Teams.

Ciascuna di queste piattaforme relativamente nuove ha visto un rapido sviluppo negli ultimi due anni. Attualmente hanno un numero impressionante di funzioni e fan. Considerando la concorrenza in corso, è probabile che ci sarà un rapido sviluppo nei prossimi anni, in quanto la creazione di contenuti e la realizzazione di nuovi scenari soddisfacenti per utenti finali e imprese saranno sicuramente migliorati rispetto a quelli che abbiamo attualmente.

Quindi, cosa decidere di utilizzare tra Zoom Meetings, Google Meet e Microsoft Teams? Prima di decidere vedi le caratteristiche di ogni piattaforma.

Zoom Meetings

Zoom Meetings è l’app di videoconferenza numero uno preferita dalle persone con oltre 200 milioni di utenti su base giornaliera. Questo servizio di videoconferenza è stato ideato e progettato per fornire il servizio alle aziende, tuttavia, ora chiunque può accedervi e usufruire del servizio ed è possibile accedervi da PC, tablet e dispositivi Android o Apple.

Sebbene Zoom Meetings sia abbastanza facile da usare, è anche altamente competitivo con diversi miglioramenti alle sue funzionalità. La recente comparsa di Zoom 5.0 ha migliorato l’area della sicurezza. Questo aggiornamento serve per identificare, indirizzare e migliorare la sicurezza e la privacy dei suoi servizi. Inoltre, gli host hanno il controllo su chi può avere accesso alle riunioni Zoom.

C’è anche una nuova funzionalità Report User progettata per porre fine alla tendenza dello zoom-bombing. Sono inoltre disponibili vari sfondi personalizzabili per consentire agli utenti di sfruttare al meglio l’app e aggiungono un livello di privacy tenendo gli utenti lontani dagli occhi indiscreti.

Zoom Meetings offre sia la versione gratuita che quella a pagamento. La versione gratuita può ospitare fino a 100 partecipanti con un numero illimitato di incontri uno a uno. Le videochiamate sono limitate a 40 minuti. Invece, la versione a pagamento che si chiama versione Pro ha un abbonamento annuale 139,90Є . Offre tutte le funzionalità dell’app gratuita e include anche un controllo amministrativo migliorato sull’app. Le riunioni possono essere registrate e crittografate per un massimo di 1 GB. Si avvale inoltre di strumenti analitici e pianificazione. Gli ID riunione possono essere personalizzati anche sulla versione Pro di Zoom. Inoltre, la durata massima della riunione è di 24 ore ed è impossibile per le persone ospitare una singola riunione per un periodo di tempo così lungo.

Oltre a questi due tipi di versioni, Zoom, offre anche la versione Business ,al costo annuale di 189,90Є, che supporta tra 300 e 1000 partecipanti contemporaneamente. Ha funzionalità come strumenti Single Sign-On, dashboard di amministrazione, supporto telefonico dedicato, posta elettronica personalizzata e così via. Inoltre, godrai anche di tutte le funzionalità della versione Pro.

Google Meet

Google Meet è un’app per videoconferenze in cui gli utenti possono impostare e partecipare alle riunioni sui propri computer o persino sui telefoni e conta circa due milioni di utenti su base giornaliera. L’app può ospitare riunioni che comprendono circa 250 partecipanti contemporaneamente. C’è anche la fornitura di live streaming per un massimo di 10.000 spettatori all’interno di un dominio. Le riunioni video sono limitate a 60 minuti. Non è tutto, su Google Meet le riunioni possono anche essere registrate e salvate su GoogleDrive per un uso successivo.

Le riunioni su Google Meet possono essere configurate utilizzando dispositivi per riunioni come Google Calendars, collegamenti o codici URL delle riunioni, accesso tramite numeri di telefono e hardware Google Meet (gli esempi includono Chromebase e Chromebox).

Per competere con Zoom, Google ha aggiunto alcune interessanti funzionalità al suo Meet. Le caratteristiche includono Zoom-esque che consente di visualizzare sullo schermo 16 persone contemporaneamente. Ha anche aggiunto il filtro del rumore di fondo per controllare il rumore delle chiamate. Inoltre, il servizio Google Meet è completamente gratuito.

La configurazione di Google Meet non richiede molto tempo. I membri partecipanti hanno la possibilità di vedere come appaiono, disattivare il microfono, accendere o spegnere la videocamera prima di entrare nella chiamata. Ti verrà anche ricordato che il tuo microfono è disattivato se parli per errore senza accenderlo. sarai anche abilitato a visualizzare i 10 partecipanti più attivi e inviare messaggi anche attraverso l’interfaccia.

Microsoft Teams

Microsoft Teams non è così popolare come i due precedenti quando si parla di videoconferenza. Tuttavia, sta guadagnando slancio negli ultimi tempi grazie alle sue grandi caratteristiche in quanto combina funzionalità VoIP aziendali, collaborazione e videoconferenza in un’unica app e si integra con altre suite di messaggistica aziendale di Microsoft. È inoltre facilmente accessibile dagli abbonati a Microsoft Office 365 Business.

Gli utenti di Microsoft Teams possono chattare e videochiamare, condividere e collaborare su Office Documents fino ad un massimo di 250 membri contemporaneamente. I file condivisi vengono sincronizzati con OneDrive e SharePoint per conservare al sicuro le copie del documento. Inoltre, gli utenti, hanno la possibilità di passare a una chiamata ad un thread di messaggi di testo. Possono anche condividere lo schermo e registrare video facilmente.

Come Zoom Meetings anche Microsoft Teams è disponibile sia in versione gratuita che a pagamento ed è possibile accedervi tramite Android, dispositivo Apple e PC. Gli utenti della versione gratuita possono registrarsi tramite i loro indirizzi e-mail. Offre inoltre una condivisione illimitata di file e schermo, messaggi di chat, ricerca, chiamate audio e video, nonché la possibilità di collaborare ai documenti di Office. Microsoft, di recente, ha aggiunto sfondi virtuali al suo Team in modo da consentire agli utenti di sostituire l’home office con una migliore prospettiva professionale.

Scegliete voi qual’è il più congeniale alle vostre esigenze.

Chiamaci al numero 0684387568 o Contattaci online per parlare con uno specialista dei nostri piani di web design, conoscere tutti i nostri servizi e ricevere un preventivo gratuito.