Nel panorama competitivo di oggi, avere successo nel settore dell’E-commerce sta diventando sempre più difficile. Sappiamo tutti che le conversioni generano vendite, quindi incrementandole e ottimizzandole migliorerai il tuo bilancio aziendale.

Ma è davvero così semplice?

In un mondo in cui l’84% delle persone non si fida più delle pubblicità, convertire i visitatori in clienti è diventata davvero una missione impossibile. Come la maggior parte degli amministratori di un e-commerce, stai cercando un modo per ottimizzare i tuoi tassi di conversione senza spendere una fortuna o senza sembrare disperato, perché la disperazione non aiuta le conversioni…

Potresti ottenere sufficiente traffico, ma per incrementare le conversioni non ci si può limitare ad aumentare il traffico. Se il tuo tasso di conversione non cambia (o peggio ancora se sta diminuendo), è necessario cambiare strategia.

Se ti stai chiedendo come poter aumentare il tasso di conversione del tuo e-commerce, questo articolo fa il caso tuo! Ti illustriamo di seguito i 5 metodi per migliorare il tuo tasso di conversione senza troppi sforzi.

1. Checkout facile

Con “facile” intendiamo un checkout intuitivo e che richieda il minor numero possibile di azioni per l’utente. Possiamo ad esempio valutare di rimuovere l’obbligo di registrazione per i clienti; la possibilità di comprare come ospite non solo velocizza di molto il processo, ma invoglia sensibilmente all’acquisto.

La presenza di molti campi da compilare ha un impatto negativo sugli utenti. Limitare lo sforzo del cliente ai dati essenziali, prevedere un pulsante che faccia combaciare automaticamente l’indirizzo di spedizione con quello di fatturazione o prevedere menu a tendina dinamici possono contribuire a limitare il problema.

Anche se non influisce direttamente sulla semplicità del checkout, esiste inoltre la possibilità di prevedere una progress bar all’interno della pagina di checkout. Questo fornirà una coscienza dell’avanzamento del processo che renderà più chiaro all’utente ogni step da percorrere per completare il pagamento.

2. Usare l’e-mail marketing

Secondo ricerche accreditate, l’e-mail marketing ha un ROI del 300%. Per sfruttare al meglio questo strumento è necessario corredarlo di una accurata mailing list. In questa confluiranno sicuramente gli indirizzi di coloro che hanno già effettuato almeno un acquisto; per raccoglierne di nuovi, una strategia potrebbe essere quella di offrire dei vantaggi legati ai prodotti in vendita a chiunque volesse fornire le proprie informazioni di contatto.

Una volta creata la lista, essa tornerà utile per comunicare offerte speciali o, tra le altre, avanzare proposte di cross selling. Questa “vendita incrociata” consiste nel suggerire ad un cliente un prodotto diverso ma in qualche modo collegato a ciò che sta acquistando o ha già acquistato: una stampante a chi ha comprato un PC, dell’antialghe a chi ordina del mangime per pesci, il noleggio di un’auto a chi ha sta prenotando un posto su un volo aereo.

L’email marketing risulta particolarmente efficace nel promuovere offerte stagionali o occasionali, come a ridosso delle festività, in base al particolare settore di mercato trattato. Le occasioni possono anche essere create ad hoc, per festeggiare un traguardo dell’azienda o per omaggiare i migliori clienti.

3. Migliorare la presentazione dei prodotti

Mostrare al meglio i vantaggi che i prodotti in vendita possono offrire è un’operazione chiave: in molti casi, ciò che le persone comprano non è tanto il prodotto quanto più i benefici che esso può portare.

Inserire immagini con un’ottima risoluzione è fondamentale. È consigliabile scegliere uno sfondo bianco, un’inquadratura significativa dell’oggetto e un’illuminazione appropriata. Se la tipologia di prodotto lo permette o addirittura lo richiede, un video potrebbe essere più funzionale rispetto all’immagine per mostrare le caratteristiche di quanto proposto.

Il testo della descrizione ha un ruolo cruciale. Il contenuto deve essere redatto in maniera chiara, fluida e persuasiva. Immedesimarsi nel potenziale cliente ci permette di scegliere le parole più idonee a rispondere delle informazioni ricercate. Non è difficile intuire che determinate caratteristiche del prodotto saranno percepite come più appetibili di altre e quindi andranno preferite o, quanto meno, fornite per prime.

4. Offri le spedizioni gratuite

Secondo Barilliance, i costi di spedizione sono la prima causa di abbandono del carrello (25%) e 9 consumatori su 10 affermano che le spedizioni gratuite sono il più grande incentivo per continuare lo shopping online. Se fai pagare i costi di spedizione, è probabile che tu stia cedendo alcune delle tue vendite ai tuoi concorrenti.

Alcuni offrono le spedizioni gratuite indipendentemente da ciò che viene comprato e altri le offrono nel rispetto di alcune condizioni, come ad esempio un ammontare minimo di spesa. Qualsiasi opzione tu scelga, ricorda di aggiungere questa possibilità durante il pagamento oppure di pubblicizzarla nelle landing page più rilevanti.

Ecco tre modi in cui puoi offrire le spedizioni gratuite sul tuo sito web:

  • Per gli ordini che superano un determinato importo.
  • Richiedendo un numero minimo di articoli acquistati.
  • Durante un arco specifico di tempo, solitamente nei periodi meno impegnativi dal punto di vista commerciale.

5. Migliora la velocità del tuo sito web

Un studio di Akamai ha dimostrato che il 47% delle persone si aspetta che una pagina web si carichi in 2 secondi o ancora meno, e il 40% di essi afferma che lascerebbe la pagina se questa ci mettesse più di 3 secondi per caricarsi. È semplice vedere come la velocità di caricamento possa influire sui tassi di conversione.

Rendendo semplicemente il tuo sito più veloce migliorerai nettamente l’esperienza del cliente, e quindi aumenterai le conversioni. Altrimenti i visitatori lasceranno rapidamente la tua pagina e cercheranno un sito più veloce.

Come velocizzare il tuo sito in poche semplici mosse:

  • Usa strumenti come Pingdom e GTmetrix per vedere le tue performance e capire cosa potrebbe essere migliorato.
  • Riduci i reindirizzamenti e i plugin.
  • Usa il salvataggio nella cache del browser.
  • Controlla la grandezza delle tue immagini e ottimizzale per il web. Le immagini di grandi dimensioni potrebbero rallentare la velocità di caricamento, soprattutto sui dispositivi mobili.
Se sei alla ricerca di assistenza professionale Arsdue può aiutarti.

Chiamaci al numero 0684387568 o contattaci online per parlare con uno specialista!